Lo strudel è un dolce tipico del Trentino Alto Adige, ma non tutti sanno che le sue origini sono Turche.

Lo strudel è un dolce tipico del Trentino Alto Adige, ma non tutti sanno che le sue origini sono Turche. I Turchi, che dominarono intorno al XVII secolo l’Ungheria, preparavano un dolce di mele simile che si chiamava baklava. Questa ricetta fu variata e trasformata dagli ungheresi nell’attuale strudel che presto prese piede in Austria che, a sua volta, dominando per un certo periodo alcuni territori dell’Italia del Nord, fece conoscere loro questo delizioso dolce. Il Trentino Alto Adige è ormai il depositario dei segreti della preparazione dello strudel, che qui ha avuto notevole successo anche grazie alle numerose coltivazioni di mele presenti sul suo territorio, che sono l’ingrediente fondamentale del ripieno.

Ingredienti (per 4 persone)

PER L’IMPASTO

  • Farina 00 130 g
  • Acqua 30 ml
  • Olio di semi (1 cucchiaio) 9 g
  • Uova (circa 1) 54 g
  • Sale 1 pizzico

PER IL RIPIENO

  • Mele Golden 750 g
  • Zucchero 60 g
  • Pangrattato 60 g
  • Burro Bio Virgilio 50 g
  • Uvetta 50 g
  • Pinoli tostati 25 g
  • Cannella in polvere 1 cucchiaino
  • Rum 2 cucchiai
  • Scorza di limone 1

 

Procedimento

Iniziamo dall’impasto: in una ciotola versare la farina setacciata con il sale, poi aggiungere l’uovo, l’acqua e iniziare ad impastare con le mani. Unire poi l’olio e lavorare ancora il composto fino ad ottenere un impasto omogeneo. Se risulta troppo appiccicoso potete aggiungere ancora 10-20 g di farina ma non di più. Trasferire poi il panetto su un piano e lavorarlo fino a che non risulterà elastico. Quando avrete finito, formare una pallina e trasferirla in una ciotola leggermente unta, coprire con pellicola e lasciarla riposare per un’ora al fresco. Nel frattempo mettere a bagno l’uvetta nel rum, o in acqua tiepida in base alla preferenza. In una padella sciogliere 30 g di burro bio e quando sfrigola tostare il pangrattato. Mescolare con un cucchiaio di legno affinché non si bruci e lasciarlo dorare qualche minuto, poi spegnere il fuoco e lasciarlo intiepidire. Sbucciare le mele e tagliarle a fettine sottili; versare le mele in una ciotola capiente e aggiungere lo zucchero, i pinoli, la scorza di limone grattugiata, un pochino di cannella e l’uvetta ben scolata e strizzata. Mettere a fondere il burro rimasto in un pentolino a fuoco lento. Poi riprendere il panetto di pasta e stendetelo su un canovaccio leggermente infarinato, formando un rettangolo di circa 35×45. Spennellare la superficie, tranne i bordi, con poco burro fuso e cospargere con il pangrattato tostato; questo strato servirà per assorbire i succhi che le mele rilasceranno in cottura. Adagiare sopra di esso il composto con le mele; arrotolare lo strudel dalla parte più lunga. Fate ben attenzione a non rompere la pasta; sigillatelo bene anche sui lati, affinché il contenuto non esca durante la cottura. Ponete lo strudel su di una teglia rivestita con la carta da forno, con la chiusura rivolta verso il basso e, prima di infornarlo, spennellatelo con il burro fuso. Cuocere lo strudel in forno ventilato preriscaldato a 180° per 30 minuti. A cottura ultimata potete cospargere lo strudel con zucchero a velo e servirlo tiepido e tagliato a fette. Non vediamo l’ora di assaggiarlo!